Rivista dell'Istituto per la Storia dell'Arte Lombarda

Profilo degli autori

Amedeo Cedro

Laureatosi in architettura nel 1976 svolge l’attività di libero professionista occupandosi principalmente di pianificazione urbanistica e progettazione architettonica. Nel 1984 ha fondato lo studio AEDIS Architetti Associati, realizzando importanti studi, restauri ed opere pianificatorie. Socio fondatore di R.U.R.A.L.I.A. (Associazione Italiana per il Recupero Unitario delle Realtà Agricole e dei Luoghi), ha attentamente indagato il tema dell’edilizia rurale studiando, nello specifico, l’area briantea. Ultimamente insieme alla libera professione si dedica allo studio di particolari ricorrenze geometriche ritrovabili negli insediamenti e nelle architetture delle antiche civiltà e nelle opere pittoriche antecedenti al XIX secolo.

José Luis Chacón

Professore associato di Progettazione Architettonica presso la Facoltà di Architettura e Design dell’Unversidad de Los Andes a Mérida (Venezuela). Architetto con Master in Filosofi a e PhD in Composizione architettonica al Politecnico di Milano. Coordinatore del “Laboratorio de Investigaciones sobre arte y diseño (LISA_D)”, membro del Consiglio di docenti del Master in Storia teoria e critica d’architettura presso la Facoltà di Architettura a Mérida; membro fondatore della Rete di Ricerca in arte e architettura (Italia, Brasile e Venezuela). Al centro dei suoi interessi sono i rapporti tra l’architettura e le arti, la fenomenologia e l’arte sacra.

Chatia Cicero

Laureata in Storia e critica dell’arte presso l’Università degli Studi di Milano. Il suo campo di ricerca riguarda la fortuna della statuaria antica nelle rappresentazioni grafiche e i rapporti con il collezionismo nel corso dei secoli XVI e XVII. Attualmente svolge le sue ricerche presso il Civico Gabinetto dei Disegni del Castello Sforzesco di Milano e l’Istituto per la Storia dell’Arte Lombarda (ISAL), nell’ambito della catalogazione e valorizzazione di beni appartenenti al fondo Paolo d’Ancona.

Piero Cimbolli Spagnesi

Architetto, è professore di Storia dell'Ar­chitettura antica e medioevale nella Facoltà di Architettura della Sapien­za, Università di Roma. Tra le sue ricerche più significative vi sono: la relazione storica per la valutazione di sostenibilità dei lavori alle basiliche di Roma per il Giubileo del 2000 (1998); le missioni di studio dell'archi­tettura medioevale nel mare Egeo orientale (1993-2000); l'accordo con CONI-Servizi spa, per lo studio del Palazzo delle Piscine CONI al Foro Italico a Roma (2008); il coordinamento, con il Ministero degli Interni, del rendiconto dell'attività di messa in sicurezza degli edifici eseguita del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco per il sisma in Abruzzo del 2009.

Chiara Colombo

Ricercatore del Consiglio Nazionale delle Ricerche presso l’Unità operativa di Milano dell’Istituto per la Conservazione e la Valorizzazione dei Beni Culturali. Responsabile della pianificazione di piani diagnostici finalizzati alla caratterizzazione dei materiali costituenti i Beni Culturali e alla definizione del loro stato di conservazione con gestione scientifica di laboratori di ricerca. Attualmente si occupa dello studio di prodotti conservativi organici e minerali inorganici per il trattamento di materiali lapidei naturali ed artificiali e della messa a punto di nuovi protocolli metodologici per lo studio della diffusione dei prodotti in matrici porose.

Filippo Comisi

Si è laureato in Scienze Archeologiche e Storiche e in Lingue e Civiltà Orientali presso la Sapienza Università di Roma e dal 2015 è docente a contratto di Filologia e Letteratura cinese presso l’Università degli Studi di Catania. Dal 2010 collabora con importanti e prestigiosi istituti museali e fondazioni private. Le sue esperienze di schedatura e analisi delle opere cinesi ed orientali gli hanno lo hanno spinto a perfezionarsi nello studio dei rapporti e dei confronti culturali tra Oriente ed Occidente. In questi ultimi anni si è recato in più occasioni in Cina, allacciando stretti contatti e buoni rapporti con istituzioni e studiosi, perfezionando costantemente le sue conoscenze linguistiche anche attraverso l’insegnamento della lingua italiana in Cina (Jimei University, Xiamen, nel 2015).

Alfio Conti

Professore del Departamento de Urbanismo del corso di Architettura e Urbanistica dell’Universidade Federal de Minas Gerais (UFMG), si è laureato in Pianificazione Territoriale e Urbanistica all’Università IUAV di Venezia nel 1996. Nel 1997 si è trasferito in Brasile dove, nel 2003, si è laureato in Architettura ed Urbanistica e, nel 2009, ha ottenuto il Dottorato in Geografia Trattamento dell’Informazione Spaziale presso la Pontificia Universidade Católica de Minas Gerais (PUCMinas). Attualmente sta approfondendo temi connessi alla pianificazione urbana e regionale e alle ‘politiche della casa’ in Brasile.

Claudia Conti

Ricercatore a tempo determinato del Consiglio Nazionale delle Ricerche presso l’Unità operativa di Milano dell’Istituto per la conservazione e la valorizzazione dei Beni Culturali. Ha conseguito nel 2010 il Dottorato di Ricerca in Ingegneria dei Materiali presso il Dipartimento di Chimica, Materiali e Ingegneria Chimica “G. Natta” del Politecnico di Milano. È attualmente responsabile del laboratorio di spettroscopia Raman presso l’Unità di Milano dell’Istituto, dove segue diverse linee di ricerca, tra cui la diffusione di prodotti conservativi all’interno di matrici lapidee.

Simonetta Coppa

Specialista della pittura del Seicento e del Settecento, già Vicedirettore della Pinacoteca di Brera, e già responsabile per la Soprintendenza per i Beni storici e artistici di Milano della tutela della Brianza e dell’Alto Milanese, dal 1992 è docente di Storia dell’arte dell’età barocca presso la Scuola di Specializzazione in Storia dell’arte dell’Università Cattolica di Milano. Consigliere e Segretario dell’ISAL, Consigliere della Società storica valtellinese, membro dalle origini dell’Accademia di Studi borromaici presso l’Ambrosiana. Tra gli ultimi lavori scientifici, la curatela della mostra “Baroque Painting in Lombardy from the Pinacoteca di Brera”.

Paolo Cornale

Laureato in Scienze Geologiche a Padova nel 1980, fino al 1983 dipendente di Aquater s.p.a., ha partecipato a un progetto di ricerca mineraria in Mozambico coordinato dall’Università di Padova. Da libero professionista ha collaborato con i massimi esperti scientifi ci di restauro italiani (G. Alessandrini, M. L. Tabasso, L. Lazzarini, G. Torraca) specializzandosi in diagnostica del restauro. Nel 1997 è fondatore della C.S.G. Palladio S.r.l. che dirige ponendo a disposizione della scienza della conservazione un laboratorio polivalente di ricerca, accreditato MIUR ed ACCREDIA. Svolge attività occasionale di docenza presso associazioni di categoria, istituti superiori e università.  autore di pubblicazioni.

Libero Corrieri

Architetto, dal 1980 funzionario del Ministero per i Beni Architettonici e Paesaggistici. Dal 1980 al 1984 funzionario della Soprintendenza di Ancona dove ha condotto una lunga esperienza nel restauro dei monumenti anche sotto il profilo del comportamento sismico degli edifici storici. Dal 1985 al 2011 funzionario della Soprintendenza di Milano. Dal 1985 al 1999 responsabile per la provincia di Sondrio dove oltre ad eseguire progetti di restauro e direzioni dei lavori fra alcuni dei monumenti più importanti della zona ha seguito e coordinato direttamente tutto il dibattito sulla Legge Valtellina. Dal 1999 al 2011 funzionario per il territorio del Comune di Milano e coordinatore unico per gli interventi sui Navigli. Dal 2006 svolge consulenza con Assimpredilance di Milano per l'attuazione del programma di valorizzazione “Milano nei cantieri dell'arte”. Autore di diversi testi ed articoli sul tema della valorizzazione e restauro del patrimonio storico architettonico.

Antonio Cortinovis

Laureato in Architettura presso il Politecnico di Milano sin da giovane si è occupato di progettazione architettonica, elaborando un personale linguaggio compositivo. Oltre a partecipare attivamente al dibattito culturale sul costruito dall’interno dell’Ordine degli Architetti di Bergamo, è stato consulente per la progettazione, direttore dei lavori e consulente tecnico per la definizione dei collaudi di numerosi complessi architettonici, tra i quali il Nuovo Polo Direzionale della Deustche Bank in Milano Bicocca. Nel corso della sua attività professionale ha redatto numerosi piani di lottizzazione e piani di recupero e si è occupato anche di molteplici restauri architettonici, in particolare di edifici religiosi.

Maria Antonietta Crippa

Architetto e già professore ordinario di Storia dell’architettura nel Dipartimento Architettura Studi Urbani del Politecnico di Milano, dove è tuttora membro del Collegio Docenti del Dottorato in Conservazione dei Beni Architettonici. Direttore scientifico dell’ISAL e della sua rivista istituzionale. É nel comitato scientifico di numerose collane d’architettura e delle riviste “Munera” e “Arte cristiana”. Dal 2009 Accademico nell’Academia de Bellas Artes Sant Jordi (Barcellona) e dal 2012 nella Pontificia Insigne Accademia Virtuosi al Pantheon (Roma). Dal 1988 al 2016 è stata membro della Commissione Beni culturali e Arte sacra della Diocesi di Milano.

Renata Crotti

Professore di Storia medievale all’Università degli Studi di Pavia. Ha studiato gli aspetti politico-istituzionali del medioevo con particolare riferimento alla realtà pavese. Si è interessata al mondo mercantile e artigianale, analizzando i testi normativi delle principali associazioni di mestiere di epoca medievale e della prima età moderna. Ha poi esteso la ricerca alla storia degli istituti assistenziali e ospedalieri di Pavia e del territorio con attenzione alle vicende dell’ospedale San Matteo nel suo primo secolo di vita (1449-1549). Recentemente ha indagato le vicende che hanno portato all’istituzione dello Studium Generale di Pavia in occasione della pubblicazione dedicata al 650° anniversario dell’Ateneo pavese.

Emanuela Daffra

Storico dell’arte, dal 1990 è in servizio presso la Soprintendenza per i beni storici artistici ed etnoantropologici di Milano, dove attualmente, oltre a svolgere incarichi di tutela sul territorio, dirige l’Ufficio Esportazione e i Servizi Educativi, per il quale ha ideato e segue progetti innovativi. Nell’ambito della Pinacoteca di Brera si occupa dei dipinti di area centroitaliana, ai quali ha dedicato diverse pubblicazioni ed attorno ai quali ha curato e realizzato mostre che hanno ricevuto riconoscimenti internazionali. È stata docente presso l’Università degli studi di Pavia (museologia) ed attualmente collabora con l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano.

Beatrice Daskas

Laureata in Storia e Critica dell’Arte con una tesi in storia dell’arte bizantina è attualmente dottoranda di ricerca presso l’Università degli Studi di Milano. I suoi interessi di ricerca riguardano l’ekphrasis a Bisanzio (IX-XIII secolo): in particolare studia il rapporto di interazione tra fonti scritte ed episodi monumentali. Altro fi lone di ricerca cui si dedica da tempo è quello che indaga il ruolo di Bisanzio come mediatore culturale nella transizione dal mondo antico al medioevo.

Valentina Davila

Laureata in architettura presso l’Università Los Andes (Venezuela), nel 2008 ha conseguito il Master in Architettura e tecnologia edile e nel 2010 quello in Architettura d’interni, entrambe presso l’Università Tecnica di Madrid. Nel 2015 ha frequentato il Master in Architettura presso la School of Architecture della McGill University a Montreal (Canada), lavorando come architetto e istruttrice di interior design in Quebec. Nel 2016 è stata insignita del Doctoral Award del Consiglio di ricerca per le scienze sociali e umanistiche (SSHRC) dal governo canadese. Oggi è iscritta al Dottorato di ricerca presso la medesima Scuola e ha lanciato un programma pilota per l’assistenza all’infanzia.

 

Annunziata De Dominicis

Diplomata all’Accademia di Belle Arti di Napoli ha frequentato presso l’Istituto Centrale del Restauro di Roma il corso di specializzazione sui materiali lapidei. Ha lavorato dal 1984 al 1986  presso la Soprintendenza per i Beni ambientali e Architettonici di Perugia come restauratore e dal 1986 ad oggi ha collaborato presso la Soprintendenza di Milano in qualità di restauratore, conservatore e direttore coordinatore. Collabora con gli architetti della Soprintendenza alla progettazione degli interventi di restauro in Milano e sul territorio in quanto responsabile della sezione studi e ricerche sulle metodologie degli interventi di restauro.

Magdalena De Lapuerta Montoya

Professore aggiunto di Storia dell’Arte tra 1999 e 2011 nell’Università San Pablo CEU de Madrid, è ora professore Titular Interino nella Facoltà di Geografi a e Storia della Universidad Complutense della stessa città. I suoi studi riguardano la pittura spagnola del Siglo de Oro, temi collegati al collezionismo pittorico e all’iconografi a sacra dello stesso periodo. Direttrice della Colección Ensayos de Arte dell’Editorial Encuentro, è membro anche del comitato scientifi co della rivista “Imago. Revista de Emblemática y cultura visual” e corrispondente dall’estero per la “Rivista dell’Istituto per la Storia Dell’Arte Lombarda”.

Marino Delfino

Laureato in Scienze dell’Informazione presso la Facoltà di Scienze dell’Università degli Studi di Milano, si occupa di sviluppo software presso la milanese società TAI S.a.s., specializzata in servizi e realizzazione di sistemi informatici legati ai Beni Culturali, con cui ha avviato la propria collaborazione subito dopo gli studi e ricoperto nel corso degli anni i ruoli di analista/programmatore e, successivamente, di responsabile di progetto. Nel tempo ne ha acquisito anche responsabilità nella gestione amministrativa della società di cui ora ne condivide la proprietà.